Lesaffre Italia, leader nel mercato italiano
del lievito per la panificazione
 
 
 
       
La Storia
  Lesaffre nel mondo
  Lesaffre.com
  Chi siamo
  Come raggiungerci
  I nostri business
  Immagini e materiali
  Lesaffre Italia e ambiente
  Ciclo produttivo
  Eco-Prodotti
  Lievito Fresco
  Lievito Secco
  Miglioratori
  Alimentazione Animale
  Enologia
  Contatti
  Faq
  Noi e la celiachia
  Ricette
  Lavora con noi
• Contatti
• Faq
• Noi e la celiachia
• Ricette
• Lavora con Noi
 
Faq

Innanzi tutto, la ringraziamo per aver scelto i prodotti Lesaffre. Per qualunque esigenza, la preghiamo di cliccare alla voce Info & Notizie – Contatti e di inviarci una mail. Sarà ricontattato al più presto dal servizio competente.


La ringraziamo per la preferenza accordataci.
Potrà trovare il lievito Lesaffre presso i supermercati e gli ipermercati di tutta Italia.
Il nostro lievito è proposto con il marchio Lievital sotto forma di cubetto da 25g o da 2x25g. Il nostro lievito è inoltre proposto con il marchio Hirondelle sotto forma di cubetto da 2x25g.

Ci contatti invece per eventuali suggerimenti e giudizi sulla qualità dei nostri prodotti, la nostra azienda sarà a sua disposizione per qualunque approfondimento.


Alla luce dei dati bibliografici raccolti dal servizio centrale, un tempo ragionevole di conservazione in congelatore potrebbe essere di tre mesi dalla data di acquisto purché il prodotto venga congelato con ampio margine di anticipo rispetto alla scadenza. Dopo questo periodo il lievito si deteriora e inizia a perdere la forza fermentativa. Una volta decongelato è consigliato il consumo entro le 48h conservandolo a 4°C.


Il lievito non contiene glutine. Tuttavia consigliamo di verificare sempre tutti gli ingredienti delle vostre ricette, in particolare se tra di essi vi è la farina. Esistono alcune farine senza glutine, tipo quella di mais, che possono essere utilizzate per la preparazione del pane.


Il lievito fresco è un prodotto vivo. Le sue cellule hanno la caratteristica di trasformare gli zuccheri presenti nella farina in anidride carbonica con conseguente lievitazione della pasta.
Le polveri lievitanti sono sostanze chimiche, a base in genere di bicarbonato di sodio o ammonio e sali minerali, che agiscono direttamente in cottura: a temperature elevate si decompongono, liberando anidride carbonica nella pasta.
I pani che prevedono l’utilizzo di questi composti sono pochi, si tratta prevalentemente di qualche specialità regionale come ad esempio la piadina romagnola.


Il lievito di birra è costituito da colonie di “Saccharomyces cerevisiae", funghi microscopici unicellulari presenti in natura e capaci di moltiplicarsi rapidamente. Si ottiene attraverso un processo di fermentazione nel quale viene utilizzato come nutrimento un substrato zuccherino composto da melasso di barbabietola.
Si chiama di birra perché nell’800 Pasteur scoprì che il lievito era anche responsabile della fermentazione del vino e della birra. Il lievito di birra ha un notevole valore nutritivo in quanto è ricco di proteine, aminoacidi essenziali, minerali e costituisce la più completa fonte di vitamine del gruppo B, rapidamente assimilabili e molto utili al nostro organismo.


Il lievito fresco contiene acqua. Si presenta sotto forma di un cubetto, molto friabile, dal colore bianco e dal classico profumo di “lievito”. Si scioglie facilmente e si conserva ad una temperatura compresa tra gli 0° e i 10° per circa 40 giorni. Il lievito secco è un lievito fresco disidratato che si conserva per 2 anni.


A mano:
Dosare la quantità di lievito a seconda della ricetta (in genere 25 gr di lievito per 500 gr di farina)
Sciogliere il lievito in acqua tiepida e aggiungerlo alla farina.
Cominciare ad impastare a mano prima e con il mattarello poi.
Spianate la pasta e fatene un rettangolo di 50 cm circa di lunghezza e 15 di larghezza.
Ripiegate i bordi verso il centro e ripetete l’operazione per una decina di volte.

Al mixer:
Dosare la quantità di lievito a seconda della ricetta.
Aggiungere direttamente il lievito alla farina.
Impastare per 3 minuti circa a basa velocità e quindi 5 minuti a velocità elevata fino ad ottenere un impasto omogeneo.

Nella macchina del pane:
Dosare la quantità di lievito a seconda della ricetta (in genere 25 gr di lievito per 500 gr di farina).
Sciogliere il lievito in acqua tiepida e versare il composto ottenuto nella farina.
Cominciare ad impastare a mano prima e con il mattarello poi.
Spianate la pasta e fatene un rettangolo di 50 cm circa di lunghezza e 15 di larghezza.
Ripiegate i bordi verso il centro e ripetete l’operazione per una decina di volte.
Per l’impasto, scegliere il programma desiderato.


Scienziati e archeologi non sono affatto in grado di fissare il momento in cui fu scoperto il lievito naturale. Forse la scoperta fu del tutto casuale: un impasto di farina e acqua, dimenticato per qualche tempo in angolo caldo e buio, che fermentò, gonfiandosi e acquisendo un sapore acido. Nonostante queste visibili trasformazioni, fu ugualmente messo a cuocere e quel che ne risultò fu un pane più soffice, leggero e appetibile.
Gli egizi furono i primi a perfezionare la fabbricazione del pane attraverso la lievitazione, portandolo a livelli artigianali con la definizione della figura professionale del fornaio.
Nel corso della civiltà ellenica l’arte della panificazione compì notevoli progressi, ma sono stati però i Romani a dare alla lavorazione del pane un valore artigianale con l'uso di farine bianche e più dolci.
A Roma i forni pubblici nacquero nel 168 a.C. e ai tempi di Augusto se ne contavano circa 400.
Il fenomeno, a quei tempi misterioso, della lievitazione, fu utilizzato per la produzione del pane e per millenni gli uomini utilizzarono una piccola porzione di impasto per produrre la lievitazione degli impasti successivi.
L’invenzione del microscopio permise al chimico francese Luis Pasteur, tra il 1857 e il 1846, di dimostrare che questo fenomeno era causato dal lievito, un microscopico organismo capace di trasformare gli zuccheri in anidride carbonica ed alcol.
Pasteur scoprì che il lievito era anche responsabile della fermentazione del vino e della birra, da qui il termine ancor oggi in uso, lievito di birra.

Per ulteriori informazioni sul lievito visitate il sito http://www.exploreyeast.com o http://www.toutsurlalevure.fr


Semplici e veloci da realizzare, le nostre ricette vi faranno fare una splendida figura con i vostri ospiti!.
Potrete consultare le ricette direttamente on line http://www.lesaffreitalia.it/ricette.htm e scaricarle, cliccando sull’icona PDF, per riporre il ricettario nella vostra cucina.

Aiutateci ad aggiornare il ricettario on line con le Tue ricette Lievital. Contattateci al n° di Tel 0521 878011, inviate una fax al n° 0521 878035 , scriveteci una mail a segreteria@italia.lesaffre.com o all’indirizzo Piazzale Zuccherificio, San. Quirico 2- 43010 Trecasali PR) Grazie a tutti per la collaborazione!!


Certamente. Un nostro tecnico/esperto panificatore è a vostra disposizione per rispondere ad eventuali dubbi o chiarimenti. Se siete interessati ad una particolare ricetta che al momento non trovate nel nostro ricettario non esitate a contattarci, sarà per noi un piacere metterla a punto per voi.
Il nostro ricettario è in continuo aggiornamento per fornirvi ricette esclusive, sempre nuove e gustose.


L'impegno costante che Lesaffre Italia S.p.A. dedica alla sostenibilità ambientale del territorio di Trecasali è ormai conosciuto da tutti.
Costante è infatti il contributo economico e di risorse umane che si propone al Comune, nell'ottica di risanamento e di tutela ambientale e verso uno sviluppo sostenibile.

I punti cardine della politica di lesaffre Italia S.p.A. sono:
• la razionalizzazione delle fonti idriche ed energetiche;
• il controllo delle emissioni in atmosfera;
• la depurazione delle Acque Reflue;
• la produzione di Eco-prodotti e di compost (realizzazione di un'intera gamma che soddisfi le varie esigenze
  dei clienti, non solo a scopo fertilizzante).

Dalla sezione del sito Eco-sostenibilità potrete avere maggior delucidazioni http://www.lesaffreitalia.it/ambiente.htm.

Per ulteriori chiarimenti e informazioni in merito, contattateci al n° di tel.0521.878011, inviate un fax al n° 0521.878035 o scriveteci una e-mail a segreteria@italia.lesaffre.com


Come sapete l'AIC, è l'Associazione Italiana Celiachia che assiste e studia i problemi dei celiaci, sensibilizzando le strutture politiche, amministrative e sanitarie. Tutti i nostri lieviti sono idonei all'alimentazione dei celiaci in quanto classificati come alimenti permessi (smile verde secondo la classificazione AIC); in più sul prontuario potete trovare il lievito liquido marchio KASTALIA, garantito anch'esso pur contenendo un ingrediente in più, la gomma di xanthano.

Se desiderate accedere alla FAQ del sito AIC, per avere qualche approfondimento, cliccate qui di seguito http://www.celiachia.it/menu/faq/faq.aspx?idcat=2&idfaq=70
Altrimenti, potrete accedere direttamente al sito dell'AIC dal nostro sito web, cliccando dalla home page http://www.lesaffreitalia.it su "NOI E LA CELIACHIA" (presente in alto a destra), oppure dalla sezione lievito liquido http://www.lesaffreitalia.it/liquido.htm


Lesaffre si indirizza principalmente ai professionisti. Di conseguenza, nessun campioncino, gadget o materiale pubblicitario è distribuito ai privati.


Trovate di seguito una tabella che mostra i principali allergeni e l'indicazione della loro presenza o assenza nel lievito.




Contattateci senza preoccupazioni: il nostro ufficio qualità si rende disponibile per ogni tipo di esigenza in merito! Tel. 0521.87.80.11
 
Contatti > Faq > Noi e la celiachia > Ricette > Lavora con noi